Soldati in Libia. Più stretti i tempi per l’ intervento italiano

Dopo l’appello di al-Sarraj le nostre truppe sono sul piede di partenza?
Siamo pronti? Abbiamo veramente voglia di impegnarci in Libia?
I pozzi petroliferi sono effettivamente in pericolo? Cosa serve per proteggerli?
Prima i migranti o prima il petrolio nella gerarchia delle urgenze?
Il governo di al-Sarraj è stato voluto dalle potenze occidentali per poter intevenire?
Quale gioco è da attribuire all’Egitto e alla Francia in relazione alla Libia?
Dall’intelligence americana arrivano nuove notizie sulle cellule dormienti dell’ISIS in Italia. C’è pericolo?

Cerchiamo di fare chiarezza insieme ad Arturo Varvelli, ricercatore Osservatorio Terrorismo ISPI, nel corso di Zapping, trasmissione radiofonica in onda sulle frequenze di Radio 1.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome