Dopo quattro mesi dal “cessate il fuoco”, sono ripresi gli scontri armati tra gruppi tribali rivali, a cui hanno fatto seguito alcuni movimenti delle truppe di Haftar e un ammonimento dell’Unione Europea.
Cosa dobbiamo aspettarci?

Ne parlo a Spazio Transnazionale di Radio Radicale con Francesco De Leo.

2 COMMENTI

  1. Innanzitutto l’Italia dovrebbe dare una spinta modesta per far arrivare la Libia alle elezioni presidenziali, supportare l’esercito invece di supportare i fratelli musulmani che possiedono tutte quelle milizie sia a Tripoli sia a Misurata, e deve avere un posto nella crisi libica, invece la Francia misteriosa.
    Essendomi libico, ti stimo una cifra così tanto a quello che hai detto. Hai spiegato la situazione e l’hai criticata molto bene.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome