Le mosse dell’Italia per arginare il flusso di migranti

Venerdì scorso il governo italiano si è fatto garante di un patto firmato dai rappresentanti delle tribù del Sud della Libia. Qual è il suo valore nell’ottica dei flussi migratori?

Il controllo delle acque territoriali di Tripoli rappresenta un altro fattore di contrasto all’immigrazione irregolare. È partita l’ultima fase dell’addestramento della Guardia Costiera libica, che dovrebbe rendere tutti i reparti operativi entro maggio. Ma dove verranno sistemati i migranti riportati indietro?

Infine, quanto è importante e, soprattutto, rassicurante l’accordo concluso tra Italia e Niger per rinforzare le frontiere del paese africano?

Ne parlo nel corso di un’intervista a Radio Cusano.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Europa nella morsa del covid – Giochi sporchi sulle frontiere

Guerra e Pace, la puntata del 19 novembre 2021. Ospiti Michela Mercuri, Walter Ricciardi, consulente Ministero della Salute e Alberto Negri.
>>>

Migranti, il nodo Libia

https://youtu.be/FG6qoKIgmSM
>>>

LIBIA/ “Haftar in campo, il vero scopo del voto è mettere le mani sul petrolio”

È una mossa che conferma come il paese, nonostante quello che tutti avevamo sperato dopo la nascita del governo unitario di Dbeibah,...
>>>

Con o senza il “fantasma” di Bouteflika, l’Algeria resta sull’orlo del baratro

L’ex presidente algerino Abdelaziz Bouteflika è morto ieri all’età di 84 anni. Lo riporta la tv di Stato algerina, citando un comunicato...
>>>

AFGHANISTAN/ “Grazie a Biden l’Isis ha di nuovo una base per tornare in Siria e Iraq”

Nei fatti l’esercito afgano e soprattutto le forze di polizia non avevano raggiunto la capacità di organizzare atti difensivi e offensivi in...
>>>