Petrolio e imprese, la ricetta “facile” che l’Italia deve evitare

Il perpetuarsi della situazione di estrema conflittualità in Libia ha focalizzato l’attenzione degli osservatori sulle problematiche di un Paese in cui la guerra per procura degli attori internazionali e regionali ha distrutto, forse in maniera irreversibile, ciò che restava di uno Stato divenuto di anno in anno sempre più fragile. In netta controtendenza, un recente rapporto di Confindustria del 6 agosto scorso, interamente dedicato alle prospettive di sviluppo nell’ex Jamahiriya, mostra un quadro più ottimistico che parte dalla ripresa economica del Paese.

leggi l’intero articolo su ilsussidiario.net >>

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Con o senza il “fantasma” di Bouteflika, l’Algeria resta sull’orlo del baratro

L’ex presidente algerino Abdelaziz Bouteflika è morto ieri all’età di 84 anni. Lo riporta la tv di Stato algerina, citando un comunicato...
>>>

AFGHANISTAN/ “Grazie a Biden l’Isis ha di nuovo una base per tornare in Siria e Iraq”

Nei fatti l’esercito afgano e soprattutto le forze di polizia non avevano raggiunto la capacità di organizzare atti difensivi e offensivi in...
>>>

Urgente preparare il voto in Libia: appello dell’Onu al governo

Per Tripoli si avvicina l’appuntamento elettorale di dicembre e l’esecutivo di unità nazionale è chiamato a finalizzare in tempo il necessario quadro...
>>>

Governo: il nodo sbarchi

https://youtu.be/x1shGoejD40
>>>

Il dopo Kabul e l’incubo del terrorismo nucleare

Effetto Afghanistan, dall’Europa, all’Africa al Medio oriente? Le conseguenze si avvertono già in ogni angolo del Medio Oriente e...
>>>