Libia, che cosa (non) succederà alla Conferenza di Berlino

Prof. Mercuri, partiamo proprio dalla conferenza e da chi l’ha voluta e organizzata.

La conferenza di Berlino è stata voluta in modo particolare dalla Missione Onu in Libia. Secondo protocollo, quindi, gli inviti sono stati fatti formalmente dal governo tedesco in accordo con l’UNSMIL. Si tratta di un’iniziativa che nasce sostanzialmente per riproporre la linea dell’Europa in Libia, che è una linea diplomatica, del dialogo tra le parti, e non militare. E’ dunque una linea che si scontra con quella di Russia e Turchia, i cui leader si sono incontrati qualche giorno fa per tracciare una road map per la Libia la quale però non è stata accettata dal generale Haftar. In ogni caso, molti dettagli della conferenza sono ancora secretati, tanto che – a parte qualche caso – non sappiamo ancora nemmeno i nomi di chi prenderà la parola a Berlino.

leggi l’intera intervista su start magazine >>

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Con o senza il “fantasma” di Bouteflika, l’Algeria resta sull’orlo del baratro

L’ex presidente algerino Abdelaziz Bouteflika è morto ieri all’età di 84 anni. Lo riporta la tv di Stato algerina, citando un comunicato...
>>>

AFGHANISTAN/ “Grazie a Biden l’Isis ha di nuovo una base per tornare in Siria e Iraq”

Nei fatti l’esercito afgano e soprattutto le forze di polizia non avevano raggiunto la capacità di organizzare atti difensivi e offensivi in...
>>>

Urgente preparare il voto in Libia: appello dell’Onu al governo

Per Tripoli si avvicina l’appuntamento elettorale di dicembre e l’esecutivo di unità nazionale è chiamato a finalizzare in tempo il necessario quadro...
>>>

Governo: il nodo sbarchi

https://youtu.be/x1shGoejD40
>>>

Il dopo Kabul e l’incubo del terrorismo nucleare

Effetto Afghanistan, dall’Europa, all’Africa al Medio oriente? Le conseguenze si avvertono già in ogni angolo del Medio Oriente e...
>>>