Dove ci portano la battaglia di Tarhouna e il blocco del petrolio?

Il 4 febbraio scorso, l’allora inviato delle Nazioni Unite in Libia, Ghassan Salamé, aveva annunciato la decisione delle fazioni libiche di accettare la negoziazione di un “cessate il fuoco”, concordata e monitorata dalle Nazioni Unite. Sembrava così realizzarsi uno dei punti più importanti discussi nella Conferenza di Berlino del 19 gennaio che prevedeva, tra altre cose, di trasformare la tregua (che in realtà non c’è nel Paese dall’aprile del 2019) in un vero e proprio cessate il fuoco. Purtroppo gli eventi che hanno contrassegnato questi ultimi mesi ci hanno dimostrato che i miracoli non esistono e le cose belle, quando accadono, durano poco. La Libia non è un’eccezione ma, anzi, la prova che tutto può cambiare in un attimo.

leggi l’intero articolo su ilsussidiario.net >>

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Gli affari turchi in Libia e le disattenzioni italiane

Dopo il supporto dato a Serraj nella guerra contro Haftar, la Turchia è pronta ad investire somme ingenti nella ricostruzione della Libia....
>>>

Libia, Mercuri a Nova: “No a soluzioni dall’alto, i libici scelgano da soli il loro destino”

Il Foro di dialogo politico libico in corso a Tunisi “non deve cadere nella solita logica delle soluzioni imposte dall’alto” come accaduto...
>>>

Al via a Tunisi il Forum di dialogo per la pace in Libia

Un dialogo politico tra libici per raggiungere la pace nel Paese nordafricano dopo 9 anni di instabilità. Il Forum avviato oggi a...
>>>

Le ambizioni turche e la politica energetica di Ankara

Nel lontano 1945, alla vigilia della Conferenza di Postdam, il Dipartimento di Stato statunitense definì le relazioni tra Washington e Ankara come pacifiche...
>>>

Tra Tripoli e Tobruk spunta Gheddafi jr. ma l’Italia è tagliata fuori

Al Cairo i temi principali sono elezioni e processo costituzionale sotto l’egida delle Nazioni Unite. Quanta importanza reale rivestono questi colloqui rispetto...
>>>

I pescatori in Libia

https://youtu.be/2gVhBlqhgjs
>>>