Le mosse di Russia e Francia davanti al fallimento di Haftar

L’autoproclamazione di Haftar a guida unica della Libia avviene in un momento in cui le truppe di Serraj, grazie al sostegno militare turco, hanno ottenuto diverse vittorie importanti. C’è un legame tra le due cose? Haftar si sente minacciato dal punto di vista militare? È una sorta di mossa disperata sperando nel sostegno popolare?

Nella sua proclamazione vedo il gesto di un uomo disperato, che sta perdendo l’unica sua grande roccaforte, la città di Tarhouna, nel nord-ovest della Tripolitania minacciata dalle truppe di Serraj e da quelle dei turchi. Sta tentando il tutto per tutto, ma si trova in una posizione di grande svantaggio. È un mito destinato a cadere. Gode ancora del supporto di alcuni alleati poco convinti, viste queste sue uscite folli.

leggi l’intera intervista su ilsussidiario.net >>

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

La Libia e i migranti

https://youtu.be/7_aq6vxf8Mg
>>>

Naufragio Mediterraneo

Giovedì 15 luglio, ore 18.00 - Circolo Sottufficiali Marina Militare, via Tor di Quinto 111, Roma
>>>

Caos Libia

Guerra e Pace, la puntata del 25 giugno 2021. Ospiti di Antonio Soviero: Alberto Negri e Michela Mercuri.
>>>

Il futuro della Libia

https://youtu.be/2U4QEvRlxwo
>>>