Come la pandemia cambierà il mondo. Tre scenari per la politica internazionale

di Vittorio Emanuele Parsi

Come cambierà il mondo dopo il Covid? Assisteremo semplicemente a una Restaurazione dello status quo, “Come se “niente fosse successo”? sarà la Fine dell’impero romano d’Occidente, in cui, progressivamente, la globalizzazione viene meno, in favore di un mondo fatto di sfere di influenza politica e aree di interdipendenza economica chiuse le une rispetto alle altre? Assisteremo a un Rinascimento capace di  riconciliare politica ed economia, democrazia e mercato, libertà e solidarietà per salvaguardare le nostre società dagli shock esterni?  E in questo caso l’Unione europea sarà capace di adeguarsi e trasformarsi? A queste e altre domande risponde il seminario “Come la pandemia cambierà il mondo. Tre scenari per la politica internazionale”  . Ne discutono, Vittorio Emanuele Parsi (Direttore ASERI, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano) e autore del libro “Vulnerabili: come la pandemia cambierà il mondo: Tre scenari per la politica internazionale” ne discute con  Alberto Alessandro Albanese Ginammi (Università europea di Roma) e Giampaolo Conte (Università Roma 3).

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Europa nella morsa del covid – Giochi sporchi sulle frontiere

Guerra e Pace, la puntata del 19 novembre 2021. Ospiti Michela Mercuri, Walter Ricciardi, consulente Ministero della Salute e Alberto Negri.
>>>

Migranti, il nodo Libia

https://youtu.be/FG6qoKIgmSM
>>>

LIBIA/ “Haftar in campo, il vero scopo del voto è mettere le mani sul petrolio”

È una mossa che conferma come il paese, nonostante quello che tutti avevamo sperato dopo la nascita del governo unitario di Dbeibah,...
>>>

Con o senza il “fantasma” di Bouteflika, l’Algeria resta sull’orlo del baratro

L’ex presidente algerino Abdelaziz Bouteflika è morto ieri all’età di 84 anni. Lo riporta la tv di Stato algerina, citando un comunicato...
>>>

AFGHANISTAN/ “Grazie a Biden l’Isis ha di nuovo una base per tornare in Siria e Iraq”

Nei fatti l’esercito afgano e soprattutto le forze di polizia non avevano raggiunto la capacità di organizzare atti difensivi e offensivi in...
>>>