Libia, tra gli scontri si delinea il futuro del paese

Pochi giorni fa il generale Khalifa Haftar si è autoproclamato “capo unico della Libia” confidando in una sorta di “delega” da parte di tutta la popolazione, comprese le numerose milizie e tribù dell’ovest che aveva bombardato fino a qualche ora prima. Una sorta di “tentato golpe” che però non ha ricevuto il consenso né dei libici, compresi molti degli abitanti della Cirenaica, né, soprattutto, di alcuni dei suoi “storici” sponsor internazionali che, per inciso, gli hanno fin qui permesso di portare avanti l’offensiva verso Tripoli.

leggi l’intero articolo su treccani >>

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Gli affari turchi in Libia e le disattenzioni italiane

Dopo il supporto dato a Serraj nella guerra contro Haftar, la Turchia è pronta ad investire somme ingenti nella ricostruzione della Libia....
>>>

Libia, Mercuri a Nova: “No a soluzioni dall’alto, i libici scelgano da soli il loro destino”

Il Foro di dialogo politico libico in corso a Tunisi “non deve cadere nella solita logica delle soluzioni imposte dall’alto” come accaduto...
>>>

Al via a Tunisi il Forum di dialogo per la pace in Libia

Un dialogo politico tra libici per raggiungere la pace nel Paese nordafricano dopo 9 anni di instabilità. Il Forum avviato oggi a...
>>>

Le ambizioni turche e la politica energetica di Ankara

Nel lontano 1945, alla vigilia della Conferenza di Postdam, il Dipartimento di Stato statunitense definì le relazioni tra Washington e Ankara come pacifiche...
>>>

Tra Tripoli e Tobruk spunta Gheddafi jr. ma l’Italia è tagliata fuori

Al Cairo i temi principali sono elezioni e processo costituzionale sotto l’egida delle Nazioni Unite. Quanta importanza reale rivestono questi colloqui rispetto...
>>>

I pescatori in Libia

https://youtu.be/2gVhBlqhgjs
>>>