Turchia e Russia, tutti i nodi del difficile dopo-Haftar

Dopo 14 mesi dall’inizio dell’offensiva di Khalifa Haftar per la conquista di Tripoli, annunciata in pompa magna il 4 aprile 2019 con le rassicurazioni degli Emirati Arabi Uniti che avevano garantito costanti e corposi rifornimenti di armi, le forze del generale della Cirenaica sono in ritirata. Il “merito” di questo rapido rovesciamento delle sorti della guerra va alla Turchia che negli ultimi mesi, sfruttando la disattenzione della comunità internazionale impegnata a fronteggiare il Covid, ha inviato droni, armi, mercenari e sistemi di difesa anti-aerea capaci di mettere a dura prova i sistemi missilistici della Russia, impegnata a sostegno di Haftar anche con gli ormai noti mercenari del gruppo Wagner.

leggi l’intero articolo su ilsussidiario.net >>

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Libia: ultima chiamata

Guerra e Pace, la puntata del 19 febbraio 2021. Ospiti di Antonio Soviero: Alberto Negri e Michela Mercuri.
>>>

Libia. Cosa resta delle rivolte arabe?

A dieci anni di distanza dalle insurrezioni libiche, l’ex Jamahiriya è un Paese che non è ancora riuscito a trovare un nuovo equilibrio,...
>>>

A dieci anni dalla rivolta libica

Il 15 febbraio del 2011 viene arrestato da esponenti del regime gheddafiano Fathi Turbil, un giovane avvocato libico, difensore delle vittime di...
>>>

Nuovi spiragli di pace in Libia e nuovi spazi per l’Italia?

Dopo anni di tensioni e 17 mesi di guerra, potrebbe (il condizionale è d’obbligo) aprirsi qualche spiraglio per un processo di stabilizzazione...
>>>

Primavere arabe, dieci anni dopo

Dieci anni fa, con le primavere arabe, Nordafrica e Medio Oriente respiravano aria di democrazia e cambiamento. Dieci anni dopo, in alcuni...
>>>