La “vittoria a tavolino” di Erdogan che spegne le utopie di Di Maio

“Oggi è stata una giornata importante per ampliare le opportunità di investimento delle nostre aziende in Libia nell’edilizia, nell’energia e nelle tecnologie, per dare un contributo alla ricostruzione”. Sono state queste le parole pronunciate lo scorso 1° settembre dal ministro egli Esteri italiano, Luigi Di Maio, dopo l’incontro con il capo del Governo di accordo nazionale (Gna) Fayez al-Serraj a Tripoli. Parole che lascerebbero ben sperare in una ripresa dei rapporti commerciali con un paese che fino al 2011 era un nostro partner economico di primo piano, ma che non tengono conto dell’attuale situazione sul terreno.

Nell’ovest libico, dove il governo vorrebbe portare “il brand Italia”, come dichiarato dallo stesso Di Maio, c’è un terzo incomodo con i piedi ben piantati sul terreno e con gli occhi puntati sui futuri investimenti nel paese: la Turchia di Erdogan.

leggi l’intero articolo su ilsussidiario.net >>

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Libia: ultima chiamata

Guerra e Pace, la puntata del 19 febbraio 2021. Ospiti di Antonio Soviero: Alberto Negri e Michela Mercuri.
>>>

Libia. Cosa resta delle rivolte arabe?

A dieci anni di distanza dalle insurrezioni libiche, l’ex Jamahiriya è un Paese che non è ancora riuscito a trovare un nuovo equilibrio,...
>>>

A dieci anni dalla rivolta libica

Il 15 febbraio del 2011 viene arrestato da esponenti del regime gheddafiano Fathi Turbil, un giovane avvocato libico, difensore delle vittime di...
>>>

Nuovi spiragli di pace in Libia e nuovi spazi per l’Italia?

Dopo anni di tensioni e 17 mesi di guerra, potrebbe (il condizionale è d’obbligo) aprirsi qualche spiraglio per un processo di stabilizzazione...
>>>

Primavere arabe, dieci anni dopo

Dieci anni fa, con le primavere arabe, Nordafrica e Medio Oriente respiravano aria di democrazia e cambiamento. Dieci anni dopo, in alcuni...
>>>