Libia, tre possibili passi verso la stabilità

Mentre Mig e droni hanno, momentaneamente, cessato di volare nei cieli dell’ex Jamahiriya dopo la fine all’offensiva militare del generale Khalifa Haftar contro Tripoli, la Libia continua a bruciare. Questa volta sono le rivolte popolari a incendiare le strade delle principali città libiche da Tripoli a Bengasi, da est e ovest. Crisi economica, corruzione, assenza di elettricità, pesano sulla popolazione stanca della cattiva gestione delle risorse del Paese. Le proteste si sono riflesse anche sui “governi libici”: il Governo di accordo nazionale (Gna) formalmente riconosciuto dalle Nazioni Unite e il governo della Libia orientale, quello non riconosciuto dall’Onu, con sede a Tobruk. Quest’ultimo ha formalmente dato le proprie dimissioni per “voce” del primo ministro Abdallah al-Thani.

Nella capitale le cose non vanno meglio.

leggi l’intero articolo su … Treccani – Atlante >>>

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

La Libia e i migranti

https://youtu.be/7_aq6vxf8Mg
>>>

Naufragio Mediterraneo

Giovedì 15 luglio, ore 18.00 - Circolo Sottufficiali Marina Militare, via Tor di Quinto 111, Roma
>>>

Caos Libia

Guerra e Pace, la puntata del 25 giugno 2021. Ospiti di Antonio Soviero: Alberto Negri e Michela Mercuri.
>>>

Il futuro della Libia

https://youtu.be/2U4QEvRlxwo
>>>