Libia, tre possibili passi verso la stabilità

Mentre Mig e droni hanno, momentaneamente, cessato di volare nei cieli dell’ex Jamahiriya dopo la fine all’offensiva militare del generale Khalifa Haftar contro Tripoli, la Libia continua a bruciare. Questa volta sono le rivolte popolari a incendiare le strade delle principali città libiche da Tripoli a Bengasi, da est e ovest. Crisi economica, corruzione, assenza di elettricità, pesano sulla popolazione stanca della cattiva gestione delle risorse del Paese. Le proteste si sono riflesse anche sui “governi libici”: il Governo di accordo nazionale (Gna) formalmente riconosciuto dalle Nazioni Unite e il governo della Libia orientale, quello non riconosciuto dall’Onu, con sede a Tobruk. Quest’ultimo ha formalmente dato le proprie dimissioni per “voce” del primo ministro Abdallah al-Thani.

Nella capitale le cose non vanno meglio.

leggi l’intero articolo su … Treccani – Atlante >>>

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Libia: ultima chiamata

Guerra e Pace, la puntata del 19 febbraio 2021. Ospiti di Antonio Soviero: Alberto Negri e Michela Mercuri.
>>>

Libia. Cosa resta delle rivolte arabe?

A dieci anni di distanza dalle insurrezioni libiche, l’ex Jamahiriya è un Paese che non è ancora riuscito a trovare un nuovo equilibrio,...
>>>

A dieci anni dalla rivolta libica

Il 15 febbraio del 2011 viene arrestato da esponenti del regime gheddafiano Fathi Turbil, un giovane avvocato libico, difensore delle vittime di...
>>>

Nuovi spiragli di pace in Libia e nuovi spazi per l’Italia?

Dopo anni di tensioni e 17 mesi di guerra, potrebbe (il condizionale è d’obbligo) aprirsi qualche spiraglio per un processo di stabilizzazione...
>>>

Primavere arabe, dieci anni dopo

Dieci anni fa, con le primavere arabe, Nordafrica e Medio Oriente respiravano aria di democrazia e cambiamento. Dieci anni dopo, in alcuni...
>>>