Libia, tre possibili passi verso la stabilità

Mentre Mig e droni hanno, momentaneamente, cessato di volare nei cieli dell’ex Jamahiriya dopo la fine all’offensiva militare del generale Khalifa Haftar contro Tripoli, la Libia continua a bruciare. Questa volta sono le rivolte popolari a incendiare le strade delle principali città libiche da Tripoli a Bengasi, da est e ovest. Crisi economica, corruzione, assenza di elettricità, pesano sulla popolazione stanca della cattiva gestione delle risorse del Paese. Le proteste si sono riflesse anche sui “governi libici”: il Governo di accordo nazionale (Gna) formalmente riconosciuto dalle Nazioni Unite e il governo della Libia orientale, quello non riconosciuto dall’Onu, con sede a Tobruk. Quest’ultimo ha formalmente dato le proprie dimissioni per “voce” del primo ministro Abdallah al-Thani.

Nella capitale le cose non vanno meglio.

leggi l’intero articolo su … Treccani – Atlante >>>

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Libia, rinviate le elezioni

https://youtu.be/XyRYxpCfDdE
>>>

Elezioni in Libia, un percorso denso di ostacoli

Il 24 dicembre prossimo dovrebbero svolgersi le tanto agognate elezioni presidenziali in Libia. Purtroppo, nonostante manchino meno di 20 giorni alla fatidica data,...
>>>

Europa nella morsa del covid – Giochi sporchi sulle frontiere

Guerra e Pace, la puntata del 19 novembre 2021. Ospiti Michela Mercuri, Walter Ricciardi, consulente Ministero della Salute e Alberto Negri.
>>>

Migranti, il nodo Libia

https://youtu.be/FG6qoKIgmSM
>>>

LIBIA/ “Haftar in campo, il vero scopo del voto è mettere le mani sul petrolio”

È una mossa che conferma come il paese, nonostante quello che tutti avevamo sperato dopo la nascita del governo unitario di Dbeibah,...
>>>