Fiducia al governo, ma resta l’incognita Haftar-Emirati

Una votazione, quella che si è tenuta, segnata dall’accusa di corruzione nella elezione di Dbeibah come premier, secondo l’Onu. È un segnale che il futuro di questo governo non sarà roseo?

Dbeibah ha vinto con un plebiscito, un risultato notevolissimo. Ha davanti a sé compiti difficili come portare la Libia alle elezioni nazionali, intervenire sulla situazione economica della popolazione, ad esempio riportare l’energia elettrica nel paese, e deve potenziare le realtà territoriali. È chiaro che se non riuscirà in questi compiti il tema della corruzione potrebbe tornare, ma con il plebiscito bulgaro che ha ottenuto il problema adesso non si pone.

Leggi l’intera intervista su ilsussidiario.net >>>

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Libia, rinviate le elezioni

https://youtu.be/XyRYxpCfDdE
>>>

Elezioni in Libia, un percorso denso di ostacoli

Il 24 dicembre prossimo dovrebbero svolgersi le tanto agognate elezioni presidenziali in Libia. Purtroppo, nonostante manchino meno di 20 giorni alla fatidica data,...
>>>

Europa nella morsa del covid – Giochi sporchi sulle frontiere

Guerra e Pace, la puntata del 19 novembre 2021. Ospiti Michela Mercuri, Walter Ricciardi, consulente Ministero della Salute e Alberto Negri.
>>>

Migranti, il nodo Libia

https://youtu.be/FG6qoKIgmSM
>>>

LIBIA/ “Haftar in campo, il vero scopo del voto è mettere le mani sul petrolio”

È una mossa che conferma come il paese, nonostante quello che tutti avevamo sperato dopo la nascita del governo unitario di Dbeibah,...
>>>