Fiducia al governo, ma resta l’incognita Haftar-Emirati

Una votazione, quella che si è tenuta, segnata dall’accusa di corruzione nella elezione di Dbeibah come premier, secondo l’Onu. È un segnale che il futuro di questo governo non sarà roseo?

Dbeibah ha vinto con un plebiscito, un risultato notevolissimo. Ha davanti a sé compiti difficili come portare la Libia alle elezioni nazionali, intervenire sulla situazione economica della popolazione, ad esempio riportare l’energia elettrica nel paese, e deve potenziare le realtà territoriali. È chiaro che se non riuscirà in questi compiti il tema della corruzione potrebbe tornare, ma con il plebiscito bulgaro che ha ottenuto il problema adesso non si pone.

Leggi l’intera intervista su ilsussidiario.net >>>

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

La Libia e i migranti

https://youtu.be/7_aq6vxf8Mg
>>>

Naufragio Mediterraneo

Giovedì 15 luglio, ore 18.00 - Circolo Sottufficiali Marina Militare, via Tor di Quinto 111, Roma
>>>

Caos Libia

Guerra e Pace, la puntata del 25 giugno 2021. Ospiti di Antonio Soviero: Alberto Negri e Michela Mercuri.
>>>

Il futuro della Libia

https://youtu.be/2U4QEvRlxwo
>>>