Draghi in Libia, punti di forza e criticità dell’Italia nella ex Jamahiriya

La visita del presidente del Consiglio italiano Mario Draghi in Libia il 6 aprile ha rappresentato un passaggio fondamentale per ridisegnare il nostro ruolo nel Paese. Dopo anni di disordini e guerre civili che, soprattutto negli ultimi mesi, hanno visto l’Italia ai margini della politica libica sovrastata dall’interventismo di altre potenze, Roma può recuperare il suo storico ruolo di partner privilegiato e fungere da “apripista” per un rinnovato impegno europeo nella ex Jamahiriya. In questo contesto ci sono molti asset che l’Italia può sfruttare ma anche alcune criticità che sarà necessario superare per consolidare la nostra posizione nel Paese.

Leggi l’intero articolo su Treccani – Atlante >>>

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Libia, rinviate le elezioni

https://youtu.be/XyRYxpCfDdE
>>>

Elezioni in Libia, un percorso denso di ostacoli

Il 24 dicembre prossimo dovrebbero svolgersi le tanto agognate elezioni presidenziali in Libia. Purtroppo, nonostante manchino meno di 20 giorni alla fatidica data,...
>>>

Europa nella morsa del covid – Giochi sporchi sulle frontiere

Guerra e Pace, la puntata del 19 novembre 2021. Ospiti Michela Mercuri, Walter Ricciardi, consulente Ministero della Salute e Alberto Negri.
>>>

Migranti, il nodo Libia

https://youtu.be/FG6qoKIgmSM
>>>

LIBIA/ “Haftar in campo, il vero scopo del voto è mettere le mani sul petrolio”

È una mossa che conferma come il paese, nonostante quello che tutti avevamo sperato dopo la nascita del governo unitario di Dbeibah,...
>>>